Torna indietro

Le tessere hanno una dimensione di 55x85mm, quindi il file grafico deve essere di  57x87mm. 300dpi sarà la risoluzione minima accettata. I diversi formati supportati sono:
  • vettoriali: CDR (Corel Draw) o AI (Adobe Illustrator)
  • PDF
  • immagini: BMP, JPEG, TIFF o PNG
  • Nel caso ci siano più di 1000 tessere da personalizzare con lo stesso disegno
  • Nel caso si voglia stampare con una gran qualità
Per la stampa di più di 1.000 tessere che combinino immagini a colori con dati personalizzati, raccomandiamo: prima stampare tutte le tessere in offset per dopo personalizzarle in termografia.
Sì, ma bisogna prestare attenzione ai dettagli che riguardano la costruzione dell'immagine; questa non può avere sfondi uniformi e non si deve stampare in prossimità dell'etichetta. Per esempio, un logo a colori e una numerazione possono essere tranquillamente stampati.
  • Nel caso ci siano meno di 1.000 tessere da personalizzareNel caso non sia richiesta un'elevata qualità
  • Nel caso l’immagine da stampare non richieda una stampa da bordo a bordo, non sia complessa o non ci siano sfondi uniformi
  • Nel caso in cui le tessere contengano dati variabili come codici a barre, una numerazione o nominativi da un database
Le differenze riguardano la tecnologia (la stampa termografica riscalda i colori nel nastro per dopo fissarli sulla tessera creando un’immagine; invece, il ritrasferimento termico stampa l’immagine prima sul nastro e dopo sulla tessera), la qualità (quella della stampa in ritrasferimento e superiore) e il prezzo (stampa termografica è più economica). Le stampanti termografiche sono le Sunlight e le Evolis, mentre quelle termografiche le DNP.
  • Nel caso ci siano meno di 1.000 tessere da personalizzare
  • Nel caso sia richiesta un'elevata qualità
  • Nel caso l’immagine da stampare richieda una stampa da bordo a bordo, sia complessa o ci siano sfondi uniformi
  • Nel caso in cui si debbano personalizzare tessere con chip (a contatto o di prossimità), giacché con PVC la superficie non rimane perfettamente piatta e la termografia può produrre aloni bianchi

Lo spessore delle tessere di credito o bancomat è di 0,76mm.

Gli spessori dei badge possono essere dai 0,20mm ai 1,10mm, ma anche superiori (fino a 3mm) ma non corrispondo agli standard ISO. Le etichette contactless con antenne più grandi (antenne di tessere RFID rinforzate) sono inserite nelle tessere più spesse, per esempio le tessere Clumshell.

I materiali per fare le tessere possono essere vari; i più comuni sono PVC, ABS, PET, polipropilene e polistirolo. Il PVC bianco è il materiale più utilizzato giacché è molto elastico consentendo di laminare facilmente e di essere personalizzato con diverse tecnologie di stampa  (stampa termografica, ritrasferimento, offset, inkjet, ...).
Generalmente, le tessere “speciali” o particolari vengono fatte con altri materiali che hanno una consistenza diversa o superfici porose. Per esempio, per creare badge trasparenti si utilizza il polistirolo (come nelle tessere IKEA).

0,40mm è lo spessore di una ricarica telefonica.

Torna indietro